RdB/CUB P.I.: SUL PRECARIATO NEL PUBBLICO IMPIEGO IL GOVERNO E' ANCORA IN CAMPAGNA ELETTORALE

Roma -

"Pare che questo Governo si stia impegnando in una campagna di stampa sul tema del precariato come se fossimo ancora in campagna elettorale" –dichiara Paola Palmieri della RdB-CUB P.I..
"L’ipotesi del Ministro Nicolais di proporre una fantomatica "sanatoria" per i precari del pubblico impiego con l’obiettivo di stabilizzare solo una parte dei lavoratori che hanno avuto un rapporto di lavoro con contratto a tempo determinato, rischia di produrrebbe degli effetti devastanti sul piano sociale, costringendo migliaia di lavoratori a passare da una condizione di precarietà ad una condizione di vera e propria disoccupazione."
"Infatti, - continua la nota - il piano Nicolais non definisce quanti lavoratori otterranno concretamente la stabilizzazione, ingannando così le aspettative di coloro che attendono da anni un contratto a tempo indeterminato, ma invece pone il divieto a rinnovare i contratti precari a quei lavoratori esclusi dal cosiddetto "piano"."
"In questo quadro la giornata di sciopero e manifestazione nazionale del 6 ottobre a Roma indetta dalla RdB-CUB P.I. diventa un appuntamento fondamentale che vedrà la partecipazione di migliaia di lavoratori precari in attesa di risposte concrete."
"Il Governo – conclude Palmieri- deve correggere al più presto le politiche in materia di occupazione nel pubblico impiego, deve avviare un tavolo vero di confronto sul tema del precariato. Perciò facciamo appello a tutti i lavoratori del pubblico impiego ad impegnarsi fortemente alla riuscita dello sciopero e della manifestazione del 6 ottobre, che rappresenta una prima giornata di lotta per un rilancio vero della Pubblica Amministrazione che il Governo, a quanto pare, mira a smantellare."

Questo sito usa i cookies

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies

Alcuni cookies sono essenziali per la navigazione ed il sito potrebbe non funzionare correttamente.