allarme rosso EURO CITY

Milano -

Il comando di Milano conferma lo scandalo

 

 

 

 

Le denunce della RdB in merito ai gravi problemi strutturali delle APS Euro City, hanno trovato conferma nelle risposte forniteci in questi giorni dal Comando.

In sintesi il Comando ha inviato più note informative al Ministero, all’Ispettorato Regionale e all’Iveco, in cui è stata segnalata “la rottura dei supporti del cassone”, in 5 aps su 9, collegando il problema all’utilizzo ed ai kilometri percorsi.

In sostanza, per le restanti 4 APS non ancora richiamate, è come se stessimo viaggiando su delle bombe ad orologeria, le quali, una volta raggiunto il fatidico punto di non ritorno indicato dal contakilometri, potrebbero avere un cedimento strutturale, con conseguenze nostre e per i cittadini, che possiamo ben immaginare.

Stiamo inviando una richiesta di informazioni anche all’Ispettorato VVF Regione Lombardia, per conoscere le iniziative assunte, mentre latitano le delucidazioni da parte del Dipartimento Centrale R.L.eS.M.eM., immediatamente interpellato dalla segr. naz. RdB.

Latitanza particolarmente grave, visto che siamo venuti a conoscenza che a livello nazionale 54 aps su 115, sono già state inviate all’Iveco per le modifiche del caso, senza che l’Amministrazione Centrale divulgasse una capillare informazione ai Comandi e senza pretendere l’immediato ritiro degli automezzi per le opportune verifiche da parte dell’Iveco, così come avrebbe fatto qualsiasi altra casa costruttrice.

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati

Alcuni cookie sono essenziali per la navigazione ed il sito potrebbe non funzionare correttamente.